Attendere

 

Tisana alla Malva, anti infiammatoria e lenitiva

La Tisana alla malva

 

Altri nomi

Malva selvatica, riondela, nalba, marva, maleva, mallow.

Scopri le tisane che contengono Malva della linea Valverbe qui.

La pianta

La malva (Malva sylvestris), della famiglia delle Malvaceae, è una pianta erbacea molto comune, che si può rinvenire facilmente ai bordi delle strade, nei cortili, tra i ruderi, nei prati e negli orti. Alta da 20 cm ad anche oltre un metro, presenta fusto eretto, raramente strisciante. Le foglie sono palmate, lungamente picciolate. Quelle inferiori sono più larghe e sono composte da 5 o 7 lobi; quelle superiori, più piccole, da 3 o 5. I fiori si sviluppano all’ascella delle foglie in gruppetti di 3-6 e presentano 5 petali di colore rosa-porporino striati di violetto. Fioriscono da maggio a ottobre.

 

Gli impieghi

La droga, ovvero la parte più ricca di principi attivi usata in erboristeria, è costituita dalle foglie e dai fiori.

Le proprietà principali della malva sono le seguenti:

  • capacità di regolare il transito intestinale, normalizzando volume e consistenza delle feci;
  • azione fluidificante delle secrezioni bronchiali;
  • azione emolliente e lenitiva su sistema digerente, vie urinarie e mucosa orofaringea;
  • capacità di agire sul tono della voce.

Ma non si fermano qui. Da sempre alla malva sono state riconosciute mille proprietà e, nella tradizione popolare, è considerata un rimedio per molti malanni. “Mal-va, l’erba del mal che se ne va” recita un antico detto. E ciò è dovuto in massima parte alla presenza, nei suoi tessuti, di mucillagini, che agiscono sul nostro organismo con un’azione lenitiva e protettiva. Ma contiene anche altre molecole, tra cui le vitamine A, B1, C ed E. Oltre all’azione emolliente e blandamente lassativa, le si riconoscono anche proprietà espettoranti, rinfrescanti, bechiche e antinfiammatorie.

Utile in caso in caso di bronchite, infiammazioni dell’intestino, dell’apparato digerente o delle vie urinarie. Il decotto trova impiego anche per sciacqui in caso di infiammazioni degli occhi, della bocca o delle gengive e per irrigazioni vaginali in caso di vaginite.

Le foglie fresche, bagnate e riscaldate trovano impiego per impacchi e cataplasmi per contrastare infiammazioni della pelle, tagli, calli, ascessi, foruncoli, ecchimosi e sulle zone colpite da artrite e gotta.

I fiori e le foglie, inoltre trovano impiego anche in cucina, crudi in insalata o cotti come gli spinaci, nel minestrone, nel risotto o nella frittata.

 

 

Lo sapevi che…?

– Il nome malva è latino e viene dal verbo mollire, in riferimento alle sue proprietà emollienti.

– I romani usavano seminare la malva attorno ai sepolcri per propiziarsi le anime dei defunti donando loro pace e soavità.

– I greci la chiamavano malàche, che si avvicina, nel suono a malakòs, “molle”.

– La medicina greca antica di Ippocrate classificava la malva come un rimedio “freddo-umido”.

– Un tempo si riteneva che la malva fosse una messaggera tra il mondo sottile e quello terreno.

 

I nostri consigli

Valverbe propone un’ampia gamma di tisane contenenti malva, da quelle pure, di sole foglie e di foglie e fiori, a quelle aromatizzate al limone, per non parlare delle tisane composte e di numerosi prodotti per l’igiene personale. Visita il nostro sito e scegli quello più adatto per te.

Nessun commento

Inserisci un commento

CLICCA LA FOTO E RICEVI IN OMAGGIO

UN MIX TISANE ASSAGGINO

(clicca su acquista e aggiungilo al tuo ordine gratuitamente)